martedì 10 marzo 2015

Recensione: Una luce improvvisa, di Garth Stein.

Buon pomeriggio, lettori.
Ormai lo sapete, la mia presenza in blogosfera è paragonabile a quella di un fantasma; ci sono, anche se spesso non mi vedete. Non ho il tempo di commentare i vostri post, rispondere ai vostri commenti/email/messaggi, ma vi leggo sempre e mi dispiace tanto non riuscire ad essere presente in modo costante. Ad ogni modo, oggi sono qui per parlarvi di un romanzo inviatomi recentemente dalla Casa Editrice -ancora una volta, grazie- che vorrei attenzionaste. Chissà, magari potrebbe essere arrivato il momento di dargli una possibilità!

Garth Stein
Una luce improvvisa
È un pomeriggio d'estate e Trevor Riddell è in viaggio verso Seattle con suo padre. Viaggiano in silenzio: Trevor, quattordicenne, pensa ai genitori che si stanno separando, e gli sembra una cosa impossibile. Suo padre Jones guida, e intanto pensa al proprio fallimento economico, a sua moglie che si è allontanata, e alla grande casa di famiglia, dove ora è diretto con il figlio per un motivo che conosce soltanto lui. Lì, tra le mura di Riddell House, una immensa magione nei boschi, ormai mangiata dall'edera, fatta di mille stanze, sale da ballo e salotti un tempo sempre illuminati, si è svolta la storia dei suoi avi - piena di luci e bagliori, ma anche di ombre e oscurità. Una storia che comincia con il bis-bis nonno Elijah, barone del legname, colpevole di aver sventrato le foreste americane, ai primi del '900, accumulando una fortuna immensa. E continua con i suoi figli e i figli dei suoi figli, vite splendide o spezzate, avvolte nel mistero del tempo, consumate tra errori, amori sbagliati, sogni troppo grandi. Spetterà al giovane Trevor, nella lunga, magica estate che lo aspetta, gettare luce sui misteri di Riddell House, e aiutare suo padre a riconciliarsi con il passato della sua famiglia, scoprendo che cosa ha avvelenato a poco a poco i suoi membri, per generazioni, come una maledizione.




Una vecchia casa di famiglia circondata da una spessa coltre di mistero, antenati dalle storie trafficate, promesse infrante e spiriti che non trovano la pace; vecchi bauli colmi di diari, sale da ballo polverose, corridoi che scricchiolano, sogni che mostrano il passato, segnali da interpretare e passaggi segreti. Sono queste le caratteristiche che rendono Una luce improvvisa tanto avvincente.
Il romanzo, incredibilmente piacevole, è contraddistinto da una prosa semplice e limpida, i capitoli brevi scorrono velocemente e si riesce a portare a compimento la lettura in pochissimo tempo. Ciò che ho apprezzato maggiormente è stata la morale che si cela dietro queste pagine, pur non essendo evidente. Lo scrittore è stato ben attento a nasconderlo, tuttavia capita che in qualche circostanza gli scappi un giudizio critico nei confronti della nostra realtà, e a quel punto diventa tutto chiaro; il fatto che l'intera vicenda ruoti intorno alla natura, agli alberi e al desiderio di uno dei personaggi principali di restituire alla natura selvaggia il terreno su cui è stata costruita la grande dimora dei Riddle, non è altro che un invito a renderci conto di quanto ormai trascuriamo questo aspetto del nostro mondo, ignorando tutti i problemi relativi al disboscamento, ai pochi spazi verdi rimasti nelle nostre città stracolme di cemento. E' un dettaglio che non salta immediatamente all'occhio, ma probabilmente l'intento era proprio questo, toccare un tasto doloroso, pur non esponendosi troppo, mettendoci in guardia dalle nostre stesse azioni. L'intera narrazione è ricca di descrizioni particolareggiate della foresta, trasudanti di sentimenti, tanto che sembrano far vivere gli alberi tramite le parole ed è un qualcosa di incantevole.


I personaggi sono delle figure complesse, caratterizzate dalla presenza di un'indole e un carattere piuttosto elaborato, il che contribuisce a rendere le loro figure più reali, veritiere;  in questo modo l'interesse del lettore cresce inevitabilmente e svelare tutti gli aspetti di ogni singolo personaggio per venire a capo dell'enigma finale diventa quasi una sfida.
.
Voto: 

Che ne pensate, lettori? Qualcuno di voi lo ha già letto? Vi incuriosisce? Sono proprio curiosa di leggere le vostre opinioni, fatemi sapere. 
 Vi abbraccio, 
 Alice xx

17 commenti:

  1. Ho letto un altro libro di questo autore, e non mi aveva fatto impazzire, quindi non ho ancora deciso se darlgi un'altra possibilità u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non ho letto altro, ma posso assicurarti che questo è davvero carino:)

      Elimina
  2. Mi incuriosisce molto, mi aveva già attirato quando lo avevo visto su Goodreads. La tua recensione poi è davvero ben fatta, scritta molto bene. Sembra il genere di libro che leggo di solito, quindi lo metto in wishlist!

    RispondiElimina
  3. Non l'ho mai letto ma dev'essere proprio carino infatti fa parte della mia wish list :)

    RispondiElimina
  4. Ricordo benissimo la copertina di questo romanzo, mi aveva incuriosito molto, e ora che ho letto la tua recensione son sicura che mi piacerà!!

    RispondiElimina
  5. non lo conoscevo, ma mi ispira molto per la questione della morale come hai detto tu, le cose che facciamo o non facciamo e le relative conseguenze

    RispondiElimina
  6. Questo libro mi ha attratto fin dall'uscita, anche grazie alla bellissima cover e sembra davvero una lettura interessante!

    RispondiElimina
  7. Ma sai che non conoscevo questo libro???*_*ammetto che mi ispira..e non poco!leggendo la tua recensione sembra vermaente molto carino!Mi piace anche il fatto che abbia una morale.....

    RispondiElimina
  8. E' un libro che mi attira e non mi attira. Devo davvero leggerlo, così potrò farmi un'idea!

    RispondiElimina
  9. Bellissima recensione! Non conoscevo questo libro e devo dire che adesso mi incuriosisce molto ^_^

    RispondiElimina
  10. Che dire?
    Già mi avevi parlato di questo libro,e ti avevo detto che avrei voluto tanto leggerlo, ma leggendo adesso la tua recensione mi hai convinta ancora di più!
    Baci :)

    RispondiElimina
  11. Dire interessante è poco, brava bella recensione!

    RispondiElimina
  12. Bella recensione! Ho gia sentito molto parlare del libro*-* e mi incuriosisce tantissimo!

    RispondiElimina
  13. Bella recensione!
    Il libro mi incuriosisce tanto, spero di trovare il tempo di leggerlo. Magari durante le vacanze :)

    RispondiElimina
  14. Se già la trama mi aveva incuriosita, la tua recensione mi ha fatto venir voglia di leggerlo ancor di più! I personaggi complessi e una morale "ambientalista" (passamela) fanno da ciliegina sulla torta.

    RispondiElimina
  15. Devo dire che inizialmente l'avevo snobbato alla grande, ma ora mi hai fatto venire voglia di leggerlo. Sembra proprio carino! ^__^ Devo solo organizzare un po' il mio tempo!
    Bella recensione!

    RispondiElimina
  16. Mi incuriosisce molto..penso proprio che lo leggerò! :)

    RispondiElimina

Se hai apprezzato il post, lascia un segno del tuo passaggio. Mi fa sempre piacere leggere i vostri commenti:)